Il problema della Stupidità

C’è differenza tra il malvagio e lo stupido? Ho sempre pensato di si.
Sono entrambi pericolosi ma, a differenza dello stupido, il malvagio ha lo scopo preciso di trarre vantaggio per se a svantaggio degli altri. Lo stupido è stupido e basta, non ha scopo è imprevedibile, agisce fuori da qualsiasi schema lasciando dietro di se solo devastazione, lo temo ma non lo ho ma associato alla malvagità.

Ultimamente però, mi sto chiedendo sempre più spesso se abbia davvero ancora senso fare questa distinzione.

Le leggi fondamentali della stupidità umana

Allegro ma non troppo

Ho riletto il breve e illuminante “Allegro ma non troppo”.

Sono due saggi, il primo parla dell’importanza delle spezie – del pepe in particolare – per lo sviluppo economico del Medioevo. Il secondo spiega le cinque leggi fondamentali della stupidità umana; da imparare a memoria.

Tutti noi siamo stati stupidi almeno una volta o, prima o poi, lo saremo. L’importante è averne consapevolezza. Questo fa di noi degli stupidi occasionali ed è un primo importante passo verso la redenzione.

Il problema è lo stupido sistemico, da quello non c’è scampo.
Unica soluzione imparare a riconoscerlo, provare a evitarlo o alzare le difese e provare a limitare i danni. Pensare di avere a che fare con uno stupido credendo di poterne gestire la stupidità, ormai l’ho imparato, è una pia illusione.

Lo stupido è irrazionale, imprevedibile, non agisce con un secondo fine, a differenza del malvagio che ha uno scopo; lo stupido è stupido e basta. Quando ne incontro uno e lo riconosco me la do a gambe perché secondo la terza legge fondamentale:

una persona stupida è una persona che causa un danno ad un’altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé od addirittura subendo una perdita”.